Catalys_coated_DPF_high

Osaka, Giappone – Panasonic riduce il consumo di energia e il costo del dispositivo per il trattamento dei gas di scarico dei veicoli diesel, con un nuovo catalizzatore a base di metalli alcalini.

Per venire incontro alla legislazione europea, diventata sempre più rigorosa per le emissioni dei motori, la Panasonic ha sviluppato un nuovo catalizzatore che utilizza metalli alcalini per decomporre e purificare il particolato contenuto nei gas derivanti dalla combustione del combustibile diesel.

Questo nuovo catalizzatore a base di metalli alcalini, sviluppato da Panasonic Ecology Systems, accelera l’ossidazione del particolato e lo decompone direttamente senza l’utilizzo di platino. Il dispositivo fornisce lo stesso livello di prestazioni di combustione di un catalizzatore convenzionale a base di platino, ma a una temperatura inferiore (circa il 20% in meno, secondo la sperimentazione simulata in laboratorio).

100623_Panasonic_New_Catalyst_ITA2-1

Quindi è necessaria meno energia per mantenere la temperatura ottimale per l’innesco della reazione catalitica. In questo modo vengono ridotte le emissioni di CO2 e si contribuisce alla conservazione dell’energia. Se utilizzato alla stessa temperatura richiesta da un catalizzatore convenzionale a base di platino, questo nuovo catalizzatore aumenta la velocità di combustione.

100623_Panasonic_New_Catalyst_ITA2-1

Gli attuali sistemi di trattamento dei gas di scarico esausti dei motori diesel utilizzano il platino come catalizzatore di purificazione e risultando più costosi e più sensibili alle fluttuazioni dei prezzi delle materie prime. Inoltre, i dispositivi convenzionali consumano carburante al fine di mantenere la temperatura della reazione catalitica ad un livello ottimale durante il trattamento del particolato, riducendo l’efficienza totale del dispositivo.